Skyscraper City Forum banner
1 - 20 of 27 Posts

·
Registered
Joined
·
2,435 Posts
Discussion Starter · #1 ·
In via Torino nasce la nuova città sull’acqua
Oggi in Giunta l’accordo tra Comune e privato per un’operazione da 250 milioni di euro al posto del Mercato ortofrutticolo


Una città sull’acqua, un’operazione da 250 milioni di euro, grazie alla quale a Mestre si potrà tornare ad abitare in un quartiere con il posto barca sotto casa. Oggi andrà in Giunta, poi toccherà al Consiglio comunale, alla ripresa dei lavori dopo le ferie, dare il via definitivo ai lavori: nel giro di tre anni il Mercato ortofrutticolo (Mof) sarà trasferito in un terreno in via Porto di Cavergnago, confinante con la la sede di Veritas; e per il 2015 gli 8 ettari di via Torino cambieranno volto.

Nel corso di un incontro fiume ieri sono stati limati gli ultimi dettagli del patto tra la società Venice Campus e il Comune sullo sviluppo dell’area di via Torino: l’accordo, arrivato dopo mesi di lavoro molto complesso dato che si tratta del primo caso di pianificazione del territorio cittadino condotto assieme da un privato e dalla pubblica amministrazione, è frutto della gara alla quale avevano partecipato tre raggruppamenti e alla fine della quale l’offerta migliore è risultata quella di Venice Campus, società partecipata da Seci del gruppo Maccaferri di Bologna (il cui titolare è ex presidente Assindustria Bologna e componente di giunta di Confindustria Nazionale), da San Paolo Real Estate che faceva parte del gruppo Pellicciari, da Venice Waterfront di Plinio Danieli (che è anche amministratore unico di Campus) e da Catfin che fa riferimento a Matteo Caprioglio. Un’operazione talmente importante che ha visti impegnati per mesi su questa operazione gli assessori Enrico Mingardi alla Mobilità e Laura Fincato ai Lavori Pubblici, assieme ai colleghi Gianfranco Vecchiato e Giuseppe Bortolussi, l’ingegner Salvatore Vento, come responsabile del procedimento, l’avvocato Alessio Vianello dello studio Mda di Mestre per la parte privata, e lo studio Favero & Milan per la progettazione.

Il Comune riqualificherà a costo zero un’area diventata strategica per la città, a fianco della nuova sede della Facoltà di Scienze di Ca’ Foscari: con i 46 milioni di euro che saranno pagati dai privati per l’acquisto dell’area valorizzata dal cambio di destinazione d’uso, ottiene la proprietà dei 3 ettari e mezzo in via Porto di Cavergnago, la costruzione a cura e spese della società Venice Campus di tutto il nuovo Mof collaudato, la realizzazione della nuova viabilità a servizio del mercato, che sarà anche a servizio del Palasport (grazie ad un progetto di Veneto Strade che ha partecipato ad un’apposita conferenza di servizi con il Comune); inoltre c’è un accordo sulle bonifiche degli 8 ettari di via Torino, inseriti nel Sito di interesse nazionale, in base al quale Campus paga i lavori e il Comune pensa alla transazione con Ministero dell’Ambiente.

Dopo l’approvazione da parte del Consiglio comunale, presumibilmente ad ottobre le parti si troveranno dal notaio per la firma definitiva dell’accordo; subito dopo partiranno i lavori e, al massimo entro il 2012, sarà pronto il nuovo Mercato ortofrutticolo in via Porto di Cavergnago, per il quale esiste anche un parere di conformità stilato da Veritas, atto che dovrebbe servire a por fine alle polemiche sollevate dagli operatori del Mof che non vogliono spostarsi a Campalto perché dicono che quell’area non è servita dall’acqua, e quindi non saranno in grado di portare la merce a Venezia.

Dal 2012, subito dopo il trasferimento del mercato, nel giro di due o tre anni in via Torino, con un investimento che si aggira sui 200 milioni di euro, sorgeranno 4 grandi torri per residenze affacciate sul Canal Salso e attraversate da una darsena che sarà ricavata, com’è avvenuto per il Laguna Palace, realizzando una rientranza nel canale. Dietro alle torri, verso via Torino, sarà costruito un edificio con almeno 350 posti letto da destinare ad alloggi a prezzo convenzionato per gli studenti e i docenti dell’Università; proprio su via Torino verrà realizzata un’altra struttura da circa 10 mila metri quadrati destinata ad attività commerciali e direzionali; infine toccherà ai servizi di urbanizzazione per il nuovo quartiere residenziale, come asili e scuole.
Elisio Trevisan
http://carta.ilgazzettino.it/MostraOggetto.php?TokenOggetto=721856&Data=20090806&CodSigla=VE





http://sfoglia.gazzettino.it/ParteMobileSfogliatore/file_importati/20090806/foto/558.jpg




Ormai l'area del mercato ortofrutticolo è l'unica degradata di via Torino; certo che per i tempi....:nuts:
 

·
Registered
Joined
·
179 Posts
davvero un bel progettino! sembrano 4 torri molto interessanti e anche l'allargamento del canale con la nuova darsena crea un movimento d'acqua che ben si accompagna con l'area poco ad ovest del laguna palace!
la zona di via torino nel giro di 5 anni sarà tra le più innovative di Mestre!
 

·
Registered
Joined
·
10 Posts
si sa qualcosa?

per quando dovremmo vedere il progetto diventare realtà? Sembra bello, mi ricordo di quando ero piccola e quella via me l'avevano vietata perché era la più degradata di Mestre, ora molti uffici di prestigio vogliono andare lì. :lol:
Datemi della matta, ma io amo Mestre :nuts:
 

·
Registered
Joined
·
255 Posts
salve a tutti..devo fare i complimenti a mestre,da quanto ho capito 4 torri in questo progetto + 4 torri in zona stazione e i 2 grattacieli dell'ospedale..speriamo che tutto vada in porto cosi a venezia verro ancora + volentieri!
 

·
Registered
Joined
·
2,435 Posts
Discussion Starter · #9 ·
Articolo di oggi sulla nuova venezia: l'area è occupata dal mercato ortofrutticolo che però entro fine 2011 deve essere trasferito (visto che l'area è già stata acquistata dai privati), il problema è dove dal momento che non c'è accordo tra comune e operatori...
Cantieri sicuramente non prima del 2012 (se tutto va bene).

Intanto si sta definendo il progetto che ovviamente verrà peggiorato come tutte le altre torri di Mestre... :eek:hno:
 

·
Registered
Joined
·
2,435 Posts
Discussion Starter · #10 ·
L’impresa che opera in tutti i più grandi cantieri veneziani, ha comprato la società Campus
Mantovani sbarca in via Torino
Per una sessantina di milioni di euro si è aggiudicata gli otto ettari del Mercato ortofrutticolo



Mantovani ha comprato anche la società Campus, quella che deve realizzare un nuovo pezzo di città, in via Torino, al posto del Mercato ortofrutticolo (Mof). Con una sessantina di milioni di euro il gruppo guidato da Piergiorgio Baita, che è presente nei cantieri più importanti della città (dal Mose all’ospedale dell’Angelo, alla nuova urbanizzazione del Lido con il palazzo del Cinema, fino al tram che in queste settimane il Comune sta decidendo di far passare proprio in via Torino), si è assicurato la proprietà di un’area strategica perché confinante con la sede di terraferma dell’Università, a due passi dal Vega, e ormai parte integrante del centro città.

Il progetto con il quale la società Campus aveva vinto la gara indetta dal Comune, e che appena un anno fa aveva siglato l’accordo per dare il via all’operazione, non dovrebbe subire modifiche sostanziali e, tra l’altro, l’amministratore unico della società rimane Plinio Danieli: con un investimento da 200 milioni di euro, sugli otto ettari tra il canal Salso e via Torino verranno realizzate quattro grandi torri per residenze affacciate sul canale e attraversate da una darsena che sarà ricavata, com’è avvenuto per il Laguna Palace, realizzando una rientranza; un edificio con almeno 350 posti letto da destinare ad alloggi a prezzo convenzionato per gli studenti e i docenti dell’Università; un’altra struttura da circa 10 mila metri quadrati destinata ad attività commerciali e direzionali; infine servizi di urbanizzazione come asili e scuole. In buona sostanza diventerà un quartiere dove si potrà andare a vivere godendo del garage per la macchina e del posto barca sotto casa. E se saranno rispettati i tempi previsti originariamente, tutto sarà pronto nel 2015.

I soci di Campus (Seci del gruppo Maccaferri di Bologna, San Paolo Real Estate che faceva parte del gruppo Pellicciari, Venice Waterfront di Plinio Danieli e Catfin che fa riferimento a Matteo Caprioglio) hanno ceduto le proprie quote. Mantovani si è accollata anche i debiti bancari accesi per l’acquisizione: Campus ha vinto la gara impegnandosi a pagare 46 milioni di euro, e nell’accordo il Comune è diventato proprietario dei 3 ettari e mezzo in via Porto di Cavergnago dove si pensava di trasferire il Mof (area valutata 12 milioni di euro da scomputare dai 46). La società Campus dovrà comunque realizzare la viabilità e l’urbanizzazione di via Porto di Cavergnago, mentre il Comune ha stabilito che l’ortofrutticolo, nonostante il no degli operatori, andrà al Tronchetto; infine Campus pagherà la bonifica degli otto ettari di via Torino, mentre il Comune si occuperà della transazione con il ministero dell’Ambiente.
Elisio Trevisan

http://carta.ilgazzettino.it/MostraStoria.php?TokenStoria=913976&Data=20100903&CodSigla=VE
 

·
Registered
Joined
·
735 Posts
Buongiorno! Mi si perdonerà se riesumo un topic dell'anno scorso, ma ho almeno un paio di validi motivi.

Il primo ovviamente è chiedere: che fine ha fatto questo progetto? Mi è parso di capire che si sia arenato per le proteste dei lavoratori del mercato ortofrutticolo... ho capito bene? Qualcuno ha notizie più precise?

Il secondo motivo che mi ha spinto in questo topic è stato un mio amico che frequenta Ca' Foscari che mi ha informato che è in progetto la realizzazione di un nuovo campus universitario a Venezia, abbattendo un po' di cose qua e là fra San Basilio e Santa Marta. È proprio cercando informazioni su quello che sono finito in questo topic. Qualcuno ha notizie di questo nuovo progetto di campus a Venezia?

Grazie. :)
 

·
Unità
Joined
·
10,439 Posts
Buongiorno! Mi si perdonerà se riesumo un topic dell'anno scorso, ma ho almeno un paio di validi motivi.

Il primo ovviamente è chiedere: che fine ha fatto questo progetto? Mi è parso di capire che si sia arenato per le proteste dei lavoratori del mercato ortofrutticolo... ho capito bene? Qualcuno ha notizie più precise?
Bella domanda! Non ne so nulla, ma facciamo un paio di considerazioni.
Il progetto è stato acquisito dalla Mantovani. Non so se hai presente, ma sono quello che negli ultimi anni hanno costruito praticamente qualsiasi cosa in Veneto! Compreso il tram di Mestre, il MOSE e la piastra servizi dell'EXPO a Milano. In molti di questi casi la Mantovani ha "convinto" il committente ad acquistare pezzi prodotti da loro stessi, a un prezzo più alto e con prestazioni peggiori.

Fondamentalmente hanno degli appoggi politici (Comunione e Liberazione) e il loro presidente (Piergiorgio Baita) ha da poco patteggiato una condanna a 1 anno e 10mesi per frode fiscale. Qui trovi più informazioni http://www.ediliziaeterritorio.ilso...baita-patteggia-pena-103628.php?uuid=AbNvRZ7I

Spero di averti dato un buon profilo delle persone di cui stiamo parlando...

Detto questo, magari hanno risentito anche loro della crisi o delle inchieste per frode fiscale. Baita ha dovuto pagare 400mila euro di risarcimento per la condanna.

Il secondo motivo che mi ha spinto in questo topic è stato un mio amico che frequenta Ca' Foscari che mi ha informato che è in progetto la realizzazione di un nuovo campus universitario a Venezia, abbattendo un po' di cose qua e là fra San Basilio e Santa Marta. È proprio cercando informazioni su quello che sono finito in questo topic. Qualcuno ha notizie di questo nuovo progetto di campus a Venezia?

Grazie. :)
Non conosco il progetto di cui stai parlando, ma ho 3 ipotesi:
A) La notizia recentemente uscita della trattativa per permutare 3 palazzi storici di Ca' Foscari in cambio di un palazzo moderno a Venezia, in cui accentrare tutta la facoltà di Lingue. Trattativa contro cui ci sono forti proteste, dato che c'è il forte rischio che quei 3 palazzi diventino l'ennesima speculazione immobiliare e vengano trasformati in alberghi...

I 3 palazzi da dismettere sono:
- Ca' Bembo, a Dorsoduro: http://goo.gl/maps/1EgUK
- Ca' Cappello, a San Polo sul Canal Grande: http://goo.gl/maps/U84vZ
- Palazzo Cosulich, alle Zattere (quello moderno e bianco): http://goo.gl/maps/UcEDg

In cambio, l'università riceverebbe l'ex sede ENEL a Dorsoduro, in Calle dei Ragusei: il palazzo razionalista che vedi inquadrato qui, completo, compresa la parte arancio-marrone sulla destra: http://goo.gl/maps/DfXiR
Ovviamente lo scopo è quello di ridurre i costi, però io spero che l'università resti nelle sedi storiche... Ci sono delle forti proteste al momento.

Ti riferivi a questo? Però non ci sono demolizioni, non è a Santa Marta/San Basilio, e non si tratta di un campus ma di una sede di facoltà.

B) Ci spostiamo a Castello, dentro alla zona dell'ospedale. Qui sì che stanno abbattendo alcuni edifici degli anni 60-70, per realizzarci strutture ospedaliere nuove, un eliporto, una piazza coperta e degli alloggi universitari per studenti (credo di un distaccamento a Venezia di Medicina a Padova). Un progetto discreto, anche se non mi piace quello che stanno facendo sul lato laguna (qui il prima e dopo):


131/1000 di One-Thousand-Words, su Flickr


32 di Luca-F, su Flickr

E' a questo che ti riferisci? E' un campus, stanno abbattendo però siamo lontanissimi da Santa Marta!

C) In un lontano futuro verranno edificate 2 aree che ora sono vuote: l'ex-Italgas e l'area dei Magazzini Frigoriferi. Se ricordo bene sono di proprietà dello IUAV (Università di Architettura) e si parla da decenni di cosa farci. Ci faranno case popolari e sedi universitarie, o residenze per studenti, ma per ora ci sono un sacco di parole e pochi fatti. Probabilmente ti riferisci a questo che si trova proprio a Santa Marta/San Basilio, tra l'altro è stato fatto un concorso per la zona dei magazzini frigoriferi e si trova qualcosina su europaconcorsi.

Demolizioni poche, perché l'area dei Magazzini è già completamente abbattuta mentre nell'ex-Italgas c'è archeologia industriale da ristrutturare e mantenere.

Le zone sono queste:
- Magazzini Frigoriferi:
http://goo.gl/maps/52Sor
http://goo.gl/maps/HUurX
Vista dall'alto: è dove ci sono i due tendoni bianchi http://goo.gl/maps/QLVLy

- Ex-Italgas (la zona dismessa più grande di Venezia):
Vista dal carcere: è tutto quello che c'è al di là del rio http://goo.gl/maps/gu4um
Da Fondamenta dell'Arzere http://goo.gl/maps/i4D2s
Da Santa Marta (è previsto, in futuro, l'abbattimento di buona parte del muro di cinta che soffoca Santa Marta!) http://goo.gl/maps/8R52X
Tutti gli alberi che vedi qui fanno parte di quella zona: http://goo.gl/maps/mwzz1
Vista dall'alto: http://goo.gl/maps/XgKHo

Hai qualche dubbio? :)
 

·
Registered
Joined
·
735 Posts
Grazie mille per la dettagliatissima risposta! :)
Al 90% ciò a cui si riferiva il mio amico era il progetto del punto C), probabilmente la questione degli edifici abbattuti è il risultato di una deformazione da "gioco del telefono".
A questo punto provvederò a riferirgli il fatto che su questo fronte siamo ancora a carissimo amico, e già che ci sono a raccontargli dei progetti A) e B).
Peraltro condivido con te le forti perplessità sul risultato estetico di quest'ultimo... :/
 

·
Unità
Joined
·
10,439 Posts
Grazie mille per la dettagliatissima risposta! :)
Al 90% ciò a cui si riferiva il mio amico era il progetto del punto C), probabilmente la questione degli edifici abbattuti è il risultato di una deformazione da "gioco del telefono".
A questo punto provvederò a riferirgli il fatto che su questo fronte siamo ancora a carissimo amico, e già che ci sono a raccontargli dei progetti A) e B).
Peraltro condivido con te le forti perplessità sul risultato estetico di quest'ultimo... :/
Se si sta muovendo qualcosa sono solo che contento, ma di quelle due aree (Italgas e Magazzini Frigoriferi) se ne parla da almeno 10 anni! Non credo che ci siano progetti davvero concreti, nonostante ci abbiano fatto una conferenza sulla rigenerazione urbana a riguardo, insieme all'università di Seoul :nuts:

Nel frattempo, però, hanno riqualificato tutta la zona attorno... Mi ricordo quando ero alle medie, io e una mia amica passavamo tutti i sabati sera là ed era buio e degradato... Fino a qualche anno fa la gente ci andava a scopare in una sorta di "camporella" senza campi :lol:
 

·
Registered
Joined
·
247 Posts
A meno che il campus e gli edifici a Santa Marta non si riferiscano ad un'altra cosa ancora, e cioè al fatto che dopo la conclusione dei lavori in via torino tutta la parte scientifica lascierà il "cubo" a Santa Marta e li verranno ricavati alloggi per studenti. Intanto a San Giobbe stanno ampliando il campus di Economia recuperando gli edifici verso la stazione e ricostruiranno anche il ponte delle vacche che lo collegherà direttamente al binario uno della stazione
 
1 - 20 of 27 Posts
Top