Skyscraper City Forum banner
1 - 2 of 2 Posts

·
Registered
Joined
·
247 Posts
Discussion Starter · #1 ·
Venerdi, 9 Luglio 2010
Nuovo Jona al Civile: si inizia dall'università

S
i parte dall'università. I lavori per il nuovo padiglione Jona e altri edifici dell'Ospedale civile sono al via in questi giorni, dopo l'inizio simbolico del marzo scorso. Si inizia non dallo Jona ma dal complesso del Canale al Pianto, dove per novembre dovrà essere pronta l'area dedicata alla formazione universitaria.
Per l'inizio del nuovo anno accademico, infatti, dovranno essere pronte alcune aule per le lezioni e una trentina di stanze della foresteria che ospiterà studenti del triennio clinico della facoltà di Medicina dell'università di Padova.
Per il nuovo Jona, il vero cuore dell'intervento, bisognerà attendere la fine dei lavori per la zona universitaria. Nei prossimi mesi, fino all'autunno avanzato, tutt'al più si potrà iniziare qualche opera preparatoria, come il rifacimento della cabina elettrica. Ma la trasformazione è prevista in deciso avvio per fine anno.
Il grosso dell'intervento sarà la parziale demolizione dell'attuale edificio e la sua ricostruzione, così da poter ospitare buona parte dell'area medica dell'ospedale (ci saranno i reparti di Ostetricia e Ginecologia, Medicina, Pneumologia, Nefrologia, Geriatria e Lungodegenza riabilitativa).
«Il problema maggiore è stato mettere insieme, in sede di progetto, due esigenze: quella di fare un ospedale moderno e confortevole con il vincolo impostoci dalla Soprintendenza di mantenere la parte centrale ottagonale dell'edificio originario»: lo spiega Maurizio Minca, presidente di Nov (Nuovo ospedale Venezia), la società di progetto che riunisce Siram (capofila del pool, e di cui Minca è responsabile per l'area Triveneto), Gemmo, Sacaim, Consorzio cooperative costruzioni, Coveco, Ingegneria Medica Santa Lucia (aziende che operano nel campo della costruzione, realizzazione impiantistica e gestione di strutture sanitarie) e un gruppo di progettisti composto da Studio Altieri, Steam, Studio Glass.
Si ricorderà, infatti, che il primo progetto prevedeva uno Jona completamente nuovo, con grandi vetrate lungo il perimetro; il progetto sembrò poco veneziano alla Soprintendenza, che accettò solo una sua riformulazione più “moderata” e conservatrice.
Alla fine, comunque, distribuiti nei sei piani dello stabile, ci saranno 87 camere doppie e 13 singole per un totale di 187 posti letto, alcuni meno dei 213 di cui si parlava nel luglio 2008 (vedi GV 29/2008). Ma, in sostanza, il cuore dell'ospedale veneziano sarà tutto nuovo e sarà completato da una nuova piazza coperta che permetterà collegamenti tra le diverse aree senza esposizione all'esterno e da una nuova centrale per i gas medicali.
«Saremo anche molto attenti alle ricadute ambientali del nuovo Jona», prosegue Minca: «Realizzeremo un edificio in classe B secondo la classificazione Casaclima». Il che significa che il padiglione avrà un consumo energetico inferiore a 50 kilowattora/mq all'anno, cioè molto inferiore alla media del fabbisogno energetico degli immobili veneziani (recentemente è stato fatto uno studio su 35 edifici residenziali di proprietà Ater in centro storico, costruiti perlopiù nel primo Novecento come il padiglione Jona del Civile: ne è uscito un consumo medio superiore ai 300 kwh/mq l'anno).
Ora, appunto, via al cantiere, che dovrebbe essere completato entro la fine del 2012.


Link a planimetrie ed altro: http://www.studioglass.it/?p=216

Immagine del cortile interno tra i padiglioni dopo i lavori


Le immagini del Nuovo Padiglione sono sparse per il Forum, appena le trovo le metto...
 

·
Registered
Joined
·
2,435 Posts
Bello, mi piace la sistemazione esterna. :cheers:


I NUMERI
Tempo di costruzione: 913 giorni
Costo: 47 milioni di euro
Superficie: 17.787 metri²
Volume: 44.007 metri³
Lunghezza: 72 metri
Posti Letto: 192
Stanze: 94 a 1-2 letti con bagno privato

COME SARA’ IL NUOVO JONA
PIANO TERRA area ambulatoriale: 10 ambulatori
degenze Pediatria (2 locali per culle terapia sub intensiva)
PIANO I studi medici (4 singoli, 3 doppi, open-space per 12 unità)
spogliatoi del personale
PIANO II gruppo parto-nido: 3 sale travaglio, 2 sale parto
un’isola neonatale, stanza-filtro per i padri
2 sale operatorie
degenze di Ostetricia e Ginecologia
PIANO III degenze di Medicina, Pneumologia e Nefrologia
PIANO IV Medicina e Reumatologia
PIANO V degenze Geriatria e Lungodegenza riabilitativa


http://www.ediliziainrete.it/attualita/comunicato_JONA_prima_pietra.pdf
 
1 - 2 of 2 Posts
Top