SkyscraperCity banner
Status
Not open for further replies.
1 - 20 of 154 Posts

·
Registered
Joined
·
9,901 Posts
Discussion Starter · #1 ·
La notizia è passata in secondo piano, ma è di quelle grosse: oggi si può dire finalmente concluso il percorso dell'uomo politico Fini, quello che l'ha portato dalla segreteria dell'MSI ad esercitare la terza carica dello Stato. Dopo il viaggio in Israele, dopo il fascismo definito "male assoluto", queste parole di condanna contro le posizioni che Almirante negli anni quaranta, da lui stesso più volte rinnegate, creano un solco, soprattutto se si tiene conto della importanza che ha avuto lo storico leader del Movimento Sociale nella vita, non solo politica, del presidente della Camera.

Mentre aspettiamo che certi leader di sinistra facciano un simile mea culpa almeno per le posizioni più indifendibili che hanno assunto nel corso degli anni, non resta che ringraziare il deputato del PD Fiano, che con il suo intervento ipocrita ha dato a Gianfranco Fini l'opportunità di esprimersi come si è espresso.

P.S.:

CORRIERE DELLA SERA, 11 GIUGNO 1939 - PAOLO MONELLI:
"(Gli ebrei) appaiono tutti uguale, come i cinesi, come i negri, come i cavalli, adeguati agli incroci consanguinei, dall'eguale vita, dagli uguali squallidi orizzonti. Non si capisce la ragione di questo darsi d'attorno per tutta la giornata, di questo affaccendarsi senza tregua. Sono miserabili, tengono stretti i loro quattrinelli nella pezzuola o nel pugno. Sono un inesausto serbatoio, questi ghetti polacchi. Ogni anno di ebrei ne emigrano a decine di migliaia, invadono il mondo, eppure son sempre più numerosi. Sono oggi quattro milioni, prolifici e straordinariamente resistenti nonostante le miserabili condizioni di vita.
La Polonia paga oggi il filo di una politica troppo accogliente per secoli."

CIVILTA' FASCISTA, GENNAIO 1936
Ma già a inizio del 1936, avevamo un giovane giornalista, INDRO MONTANELLI, che da Asmara così scriveva "Ci sono due razzismi: uno europeo - e questo lo lasciamo in monopolio ai capi biondi d'oltralpe; e uno africano - e questo è un catechismo che, se non lo sappiamo, bisogna affrettarsi a impararlo e ad adottarlo. Non si sarà mai dei dominatori, se non avremo la coscienza esatta di una nostra fatale superiorità. Coi negri non si fraternizza. Non si può. Non si deve. Almeno finchè non si sia data loro una civiltà..... non cediamo a sentimentalismi...niente indulgenze, niente amorazzi. Si pensi che qui debbon venire famiglie, famiglie e famiglie nostre. Il bianco comandi. Ogni languore che possa intiepidirci di dentro non deve trapelare al di fuori".
(Indro Montanelli. dicembre 1935. Da "Civiltà fascista" N.1, gennaio 1936 - che abbiamo in originale)

CORRIERE DELLA SERA, 1 NOVEMBRE 1938 - GUIDO PIOVENE:
"Recensione del libro di Telesio Interlandi (Fondatore e direttore "Difesa della Razza") "Contra Judeos":
"Si deve sentire d'istinto, e quasi per l'odore, quello che v'è di giudaico nella cultura.
Gli ebrei possono essere solo nemici e sopraffattori della nazione che li ospita. Di sangue diverso e coscienti dei loro vincoli, non possono che collegarsi contro la razza ariana. L'enorme numero di posizioni eminenti occupate in Italia dagli ebrei è il risultato di una tenace battaglia".

CORRIERE DELLA SERA, 5 LUGLIO 1941 - CURZIO MALAPARTE:
"Basta spingersi nei quartieri poveri (di Jassy) per rendersi conto del pericolo sociale che rappresenta la enorme massa del proletariato giudaico. E' infatti dai miseri tuguri di quei quartieri che sono partite le prime fucilate contro i soldati"

LA PROVINCIA GRANDA, 4 AGOSTO 1942 - GIORGIO BOCCA:
"Questo odio degli ebrei contro il fascismo è la causa prima della guerra attuale. La vittoria degli avversari solo in apparenza, infatti, sarebbe una vittoria degli ebrei. A quale ariano, fascista o non fascista, può sorridere l'idea di dovere, in un tempo non lontano, essere lo schiavo degli ebrei?"

ALDO MORO 1943 (Articolo citato "Storia Illustrata, gennaio 1998, pag.45):
" La razza è l'elemento biologico che, creando particolari affinità, condiziona l'individuazione del settore particolare dell'esperienza sociale, che è il primo elemento discriminativo della particolarità dello stato"

SANTA MILIZIA (settimanale), 11 febbraio 1939 - BENIGNO ZACCAGNINI
Articolo: "Problemi razziali: il meticciato" - "La razza può considerarsi come un termine intermedio tra individuo e specie, cioè fra due termini opposti, intendendo la specie, nel suo significato biologico, come la somma di tutti gli individui capaci di dare fra loro incroci fecondi".

ROMA FASCISTA (settimanale), 24 SETTEMBRE 1942 - EUGENIO SCALFARI:
"Gli imperi moderni quali siamo noi li concepiamo sono basati sul cardine "razza", escludendo pertanto l'estensione della cittadinanza da parte dello stato nucleo alle altre genti".


da leonardo.cronologia.it
 

·
Registered
Joined
·
15,499 Posts
Quando dice cose meditate Fini sa anche essere apprezzabile.

Peccato poi che dalle dichiarazioni estemporanee (1 | 2), quindi palesatrici, si rivela per quel che è: un piccolo uomo in attesa della premorienza di Silvio, che dietro una ripulita esteriore ha ancora un animo manesco.
 

·
Banned
Joined
·
3,336 Posts
Fini: astuto come un gatto e ipocrita come una ninfomane al confessionale :D Non si scappa da quello che si è...
 

·
Not cool
Joined
·
3,712 Posts
Quando dice cose meditate Fini sa anche essere apprezzabile.

Peccato poi che dalle dichiarazioni estemporanee (1 | 2), quindi palesatrici, si rivela per quel che è: un piccolo uomo in attesa della premorienza di Silvio, che dietro una ripulita esteriore ha ancora un animo manesco.
Se per ogni volta che dice cose apprezzabili deve meditare per decenni, forse qualche problema di fondo ce l'ha effettivamente.
 

·
ricercatore pampers
Joined
·
2,323 Posts
 

·
Banned
Joined
·
3,336 Posts
Io invece aspetto che leggano i discorsi di Stalin o auspichino che gli si intitoli una piazza.
L'Italia è fatta così...anzichè parlare della questione meridionale, della mancanza di lavoro, della crescita economica zero, della mancanza di infrastrutture, degli abusi edilizi, delle evasioni fiscali, della corruzione in politica, del conflitto di interessi e chi più ne ha più ne metta...si parla dei comunisti che mangiano i bambini, dei naziskin che menano per una sigaretta, di come "agevolare il dialogo tra destra e sinistra", dei cani abbandonati durante l'estate, della velina che ha lasciato il calciatore di turno, dei magistrati comunisti, dell'informazione comunista :D ecc ecc...e mentre noi ci azzuffiamo per queste cazzate, loro se la ridono e si fregano le mani mentre ci osservano sgranocchiare l'osso che ci hanno tirato
 

·
Banned
Joined
·
1,308 Posts
EUGENIO SCALFARI (si quello di Repubblica) scrive sul giornale Roma Fascista nel 1942: “Gli imperi moderni quali noi li concepiamo sono basati sul cardine “razza”, escludendo pertanto l’estensione della cittadinanza da parte dello stato nucleo alle altre genti”… “la razza può considerarsi come un termine intermedio tra l’individuo e la specie, cioè fra due termini opposti, intendendo la specie, nel suo significato biologico, come la somma di tutti gli individui capaci di dare fra loro incroci fecondi.
 

·
Banned
Joined
·
1,308 Posts
GIORGIO BOCCA 4 agosto 1942: "Questo odio degli ebrei contro il fascismo è la causa prima della guerra attuale. La vittoria degli avversari solo in apparenza, infatti, sarebbe una vittoria degli ebrei. A quale ariano, fascista o non fascista, può sorridere l'idea di dovere, in un tempo non lontano, essere lo schiavo degli ebrei?"
 

·
Banned
Joined
·
1,308 Posts
ALDO MORO 1943: "La razza è l'elemento biologico che, creando particolari affinità, condiziona l'individuazione del settore particolare dell'esperienza sociale, che è il primo elemento discriminativo della particolarità dello stato"
 

·
Banned
Joined
·
1,308 Posts
A quanto pare prima erano tutti per la "difesa della razza" quando soffiava quel vento.... poi cambia il vento.... e tutti come il vento.....

Fischia il vento....
 

·
DIABOLIKVS
Joined
·
39,381 Posts
Fini condanna in Almirante quello che Almirante aveva già condannato di se stesso.

Almirante aveva fatto autocritica - concetto che pure dovrebbe essere familiare a certa sinistra.
Non ha fatto come, tanto per citare, qualche premio nobel che s'è dimenticato un passato da rastrellatore di partigiani e s'è nascosto per anni sperando che nessuno se n'accorgesse;
o come sempre qualche altro premio nobel che in altro paese ha recitato una vita nel ruolo di coscienza critica ed antifascista della Nazione, per poi rivelare un passato nientemeno che come volontario nelle SS.

A Roma ci sono vie dedicate a personaggi ben peggiori di Almirante, prima tra tutti Palmiro Togliatti, braccio destro in Occidente di Stalin.

Ma anche diverse vie e piazze intitolate nientemeno che ai 10 firmatari del manifesto della razza, come Donaggio e Zavattari.

Mi indigna piuttosto l'idea di intitolare una via a Craxi.

Non sopporto i ladri, soprattutto quelli che si sottraggono alla giustizia.
 

·
Banned
Joined
·
3,868 Posts
Fini condanna in Almirante quello che Almirante aveva già condannato di se stesso.
Giusto. Storico. Condanno' quel suo passato quando condannarlo non significava guadagnare un solo voto in piu'.

Perche ai tempi o eri MSI o volevi i missini bruciati in piazza.

Lo condanno' semplicemente perche' la sua coscienza gli imponeva di farlo.

Con Giancarlo Pajetta si dissero una volta " quando non ci saremo piu' noi tutto questo sara' finito".

In effetti andati via loro sono rimasti in pochi ad inneggiare agli abominii comunista e fascista.

In cambio sono arrivati quelli che inneggiano ai ladri.
 

·
Rimini expat
Joined
·
408 Posts
Dedicare vie ad Almirante e Craxi...dio mio.

A questo punto mi attendo che si inauguri Viale Fioravanti, Corso Gelli e Largo Musumeci.

Bel paesello.
 

·
Banned
Joined
·
16,224 Posts
Dedicare vie ad Almirante e Craxi...dio mio.

A questo punto mi attendo che si inauguri Viale Fioravanti, Corso Gelli e Largo Musumeci.

Bel paesello.
beh, esistono vialoni intitolati a quei delinquenti dei partigggiani, perchè non intitolarle anche ad altri personaggi un pò più "decenti"?
 

·
Banned
Joined
·
11,431 Posts
beh, esistono vialoni intitolati a quei delinquenti dei partigggiani, perchè non intitolarle anche ad altri personaggi un pò più "decenti"?
Cioè si finisce così a forza di vedere Lucignoli su Italia 1?
:eek:hno:
Non si smette mai di imparare.
Come direbbe il mio ragazzo:
"Bacia in terra, fai finta che cadi"
Credo che il tuo amore per la generalizzazione stavolta sia andato molto oltre.
 

·
Banned
Joined
·
11,431 Posts
Vergognose le frasi razziste.

Credo che così la frase sia ugualmente esaustiva e spero sia condivisa da tutti qui dentro.
 

·
Registered
Joined
·
9,901 Posts
Discussion Starter · #19 ·
Vie presenti in vari comuni italiani:

Via Marx
Via Lenin
Via Che Guevara
Via Maresciallo Tito
Via Ho Chi Minh
Via Trotsky
Via Mao Tze Tung
Via Stalin
Via Rivoluzione d'Ottobre
Via Unione Sovietica

ecc.

:cheers:
 

·
Registered
Joined
·
9,901 Posts
Discussion Starter · #20 ·
1 - 20 of 154 Posts
Status
Not open for further replies.
Top