SkyscraperCity banner
1 - 20 of 25 Posts

·
Dietrich von Welschbern
Joined
·
7,328 Posts
Discussion Starter · #1 · (Edited)
Ciao a tutti, ho pensato di aprire questo thread, sull'esempio di altre città, perché ritengo che la mobilità ciclabile meriti un'attenzione tutta sua. In questo thread potremo discutere del servizio Bikesharing recentemente inaugurato e delle sue evoluzioni, monitorare lo stato di manutenzione delle piste ciclabili e parlare di possibili sviluppi futuri. Visti i recenti tagli ai bus, la bicicletta è ormai un capitolo di primissimo piano nel trasporto cittadino. Ritengo che anche con piccoli interventi di manutenzione e segnalazione, dal costo ridotto, la nostra rete di ciclabili potrebbe migliorare notevolmente, visto che già parte da un chilometraggio decente (80km).



https://www.bikeverona.it/Images/Bicycle-Paths.jpg
 

·
Dietrich von Welschbern
Joined
·
7,328 Posts
Discussion Starter · #2 ·
Bene, provvederò nei prossimi giorni a metterla. Almeno ho un posto dove rifilarvi le mie idee a riguardo. :p

Oggi la newsletter del bike sharing avvisa che da oggi appunto è attiva la ciclostazione della stazione di porta nuova, situata nei pressi del camuzzoni, quindi vicino alla ciclabile centro-fiera-borgo roma. Era ora! Peccato non ci sia spazio al momento per posizionarla più vicina alla stazione stessa. Nella mail si avvisa che col Comune si sta valutando dove posizionare altre 5 ciclostazioni...
Potendo scegliere, dove collochereste le 5 ciclostazioni voi?
 

·
Registered
Joined
·
3,090 Posts
MAPPA CICLABILI DI VERONA A GIUGNO 2012
In blu le esistenti, in rosa quelle di prossima realizzazione, in verde quelle previste in futuro, in nero quelle di fatto inutilizzabili



Di fatto è la stessa mappa da ottobre scorso, non mi pare ci siano state novità.
 

·
Registered
Joined
·
3,090 Posts
MAPPA DELLE CICLOSTAZIONI DEL BIKE SHARING APERTE O PREVISTE A GIUGNO 2012




01 - Porta Nuova
02 - Università
03 - Bra
04 - Navona- Stazione non attiva
05 - Cappello
06 - Porta Palio
07 - Arsenale
08 - Porta Vescovo FS
09 - Stefani
10 - Isolo
11 - Zappatore
12 - Fiera
13 - San Zeno
14 - Porta Vescovo
15 - Ponte Pietra
16 - Cimitero
17 - Garibaldi
18 - Cittadella
19 - Cadorna
 

·
Dietrich von Welschbern
Joined
·
7,328 Posts
Discussion Starter · #5 ·
Fra le piste ciclabili (inutilizzabili) aggiungerei quella in via Carducci. Inoltre dalla tua mappa non riesco a distinguere bene il nero dal blu...
 

·
Registered
Joined
·
3,090 Posts
E' facile dire dove potrebbero andare 5 ciclostazioni, dipende dalle priorità dei luoghi da servire però. Secondo me bisogna intensificare la maglia delle ciclostazioni nelle zone già servite e in particolare in centro, piuttosto che mettere una ciclostazione a caso lontana in periferia, che nel caso andrebbe messa lungo una ciclabile.

Per me occorrerebbero innanzitutto una ciclostazione fra gli Scalzi e piazza Simoni all'incrocio con via valverde, una in piazza Vittorio Veneto, una in corso porta nuova all'angolo nord con via cesare battisti (vicino ad inps e pradaval), una in via massalongo all'angolo con via forti (zona ricca di scuole e istituzioni varie nel nord del centro), una dentro porta borsari oppure davanti a S.Pietro Incarnario. In una seconda fase ci si potrà sicuramente sbilanciare verso veronetta, borgo roma e borgo venezia, mentre per altre zone più povere di ciclabili forse è meglio servirle in futuro.
 

·
Registered
Joined
·
3,090 Posts
Di nero nella mappa c'è soltanto il tratto di fronte alla stazione (dove adesso in realtà ci parcheggiano anche gli autobus extraurbani) e quello in via fermi in zai, che in pratica è una controstrada di cui non si capisce l'utilizzo. Via Carducci in effetti è più che altro un senso consentito alle bici (e ai bus ATV) ma non alle macchine, in senso ampio è un percorso riservato.
 

·
Dietrich von Welschbern
Joined
·
7,328 Posts
Discussion Starter · #8 ·
Comunque per le 5 nuove ciclostazioni, in attesa di una vera espansione futura, punterei per le zone centrali.

in centro:

1) Piazzetta Brà Molinari o Sant'Anastasia
2)Portoni Borsari
3) Inizio corso Porta Nuova (Cam. Commercio)
4) Piazza Simoni
5) ...

Futuro: ci vuole un'evoluzione con almeno due ciclo-stazioni relativamente vicine fra loro in ogni polo attrattivo di circoscrizione. Esempio:

Borgo Roma: Policlinico e Via Centro.

Borgo Venezia: scuole Carducci (via Betteloni), centro Tommasoli-circoscrizione e zona scuole-San Marco

Borgo Milano/Saval: Via Quarto Ponte-Via Galvani e Corso Milano altezza Esselunga

Stadio: Stadio e Via Albere/Via Palladio

Santa Lucia/Golosine: incrocio Via Dalla Chiesa-Via Albere, Via Murari-Bra (parcheggio parco Alpini)

Fiera/Tombetta: Fiera, chiesa di Santa teresa (tombetta)

Queste le ho buttate giù di fretta. L'ideale sarebbe studiare al meglio l'evoluzione della rete ciclabile integrando anche parcheggi scambiatori e mezzi pubblici.
 

·
Registered
Joined
·
3,090 Posts
Naturalmente Corsi oggi sul corriere di verona dichiara che il bike sharing con le nuove ciclostazioni sarà ampliato ai quartieri... vabbè. :p Se proprio bisogna metterle in periferia, allora propongo anch'io policlinico, via centro, via betteloni, via galvani-corso milano, stadio.
 

·
Dietrich von Welschbern
Joined
·
7,328 Posts
Discussion Starter · #10 ·
Il problema è che se uno arriva al Policlinico e trova la stazione tutta piena..è un casino. Il bikesharing non dovrebbe mai avere stazioni isolate proprio per questo motivo. Inizialmente è opportuno migliorare la rete nelle zone centrali e semi-centrali.
 

·
Registered
Joined
·
2,115 Posts
non si potrebbe organizzare una mappa su google che resti fissa e man mano poter aggiungere i pezzi?
io però di diversificare nettamente i colori... quelle inutilizzabili o critiche direi di farle rosse, invece che nere. mentre quelle di prossima realizzazione le fare azzurre.

poi penso sia utile davvero il fare una numerazione di piste-percorsi, ma basilare, tipo c1 c2 o c3, invece che coi nomi, trovarsi una pista magenta, o cremisi, o lilla sarebbe imbarazzante....
 

·
Registered
Joined
·
3,090 Posts
MAPPA DELLE CICLABILI AGGIORNATA AL 29-06-2012
Ho aggiunto come ciclabili il collegamento fra via Mantovana e la ex ferrovia Verona-Bologna (su via Peschiera e via Villafranca), la passerella sul lato sud di ponte San Francesco (ci sarà anche su quello nord) e il percorso del Boschetto fra il ponte della Ferrovia e Ponte San Pancrazio. Il prossimo aggiornamento si avrà quando sarà realizzato il completamento della ciclabile su Corso Unità d'Italia, fra San Michele e il sottopasso per Porto San Pancrazio, i cui lavori sono in corso; non ci sono altre ciclabili in costruzione ma solo previste, salvo forse fra Marzana e Grezzana, ma comunque non comparirebbe sulla mappa perchè troppo periferica. In teoria anche la ciclabile fra lo stabilimento Aia e Fondo Frugose è prevista in realizzazione a breve, ma non ci sono notizie sui media.

 

·
Dietrich von Welschbern
Joined
·
7,328 Posts
Discussion Starter · #13 · (Edited)
Questa è la situazione della pista ciclabile su Viale Venezia. La sede sembra abbastanza larga, il muro sulla destra è già alto oltre due metri, e sarà interessante vedere come sarà terminato. Di sicuro è una soluzione diversa rispetto ai pannelli fono assorbenti verdi che si trovano nel tratto più verso San Michele, che infatti non hanno nessuna funzione di protezione della pista ciclabile, visto che lì c'è già il guard rail.



Per quanto riguarda la manutenzione dell'esistente, segnalo una situazione che si ripete ogni volta che viene effettuato un rifacimento stradale: l'attraversamento ciclabile...scompare! Capisco che manchino i soldi, ma 10 metri dopo c'è un attraversamento pedonale che è stato prontamente sistemato...E che già ha fatto in tempo a scolorirsi, visto che si tratta di un intervento di due anni fa. In questo punto (siamo in Via Perini, vicino al centro Tommasoli), come in molti altri, sono dunque due anni che l'attravesamento ciclabile si trova ad essere praticamente cancellato.

Se è la vernice rossa il problema, si potrebbe almeno continuare a tratteggiare i contorni bianchi, ma penso che sia per lo più una questione di scarsa sensibilità verso le piste ciclabili.

 

·
Registered
Joined
·
3,090 Posts
Sembra che non ci debbano mettere molto ancora a completare i lavori... molto bene. Si vedono non poche persone che vanno in bici verso san michele su corso venezia e sono in costante pericolo. Ci vorrebbe un ulteriore tratto fino al primo semaforo di San Michele con via Salieri, perchè se la pista finisce all'inizio della zona abitata non aiuterà comunque un granchè, salvo che tutti si lancino sullo stretto marciapiede esistente. Un pò di spazio residuo da mangiare alla larga corsia di scorrimento c'è ancora, credo. Eppoi servirebbe anche un breve raccordo fra la pista esistente e quella lungo le mura: adesso si arriva all'incrocio col viale della stazione di porta vescovo e basta. Si sente qui come altrove il bisogno di creare delle piste continue in una rete ben progettata...
 

·
Dietrich von Welschbern
Joined
·
7,328 Posts
Discussion Starter · #15 ·
Hai ragione, basterebbe tracciare il percorso in prossimità dell'edificio razionalista che c'è fra Porta Vescovo e Viale Venezia.

Al momento io aggiungerei quattro direttrici alla nostra linea:

1) Asse San Massimo- Castelvecchio:

San Massimo (difficile il primo tratto, in effetti), Via San Marco, Canale Camuzzoni (completamento dell'attuale), Via Piccoli, Porta Palio, Stradone Porta Palio. (da realizzare in Stradone ricavando lo spazio tra le macchine e il marciapiede, come in via Pallone)

2) Avesa- Ponte Pietra

Secondo i progetti già esistenti in zona Avesa-Quinzano, poi via Cesiolo, via Nino Bixio (in qualche modo si deve fare, è l'unica), Giardini Lombroso, passeggiata lungo l'Adige di San Giorgio (che andrebbe ripiastrellata e riqualificata tutta), Ponte Pietra.

3) Palazzina- Piazza Bra

basta realizzare un tratto di collegamento su via Polveriera Vecchia

4) Borgo Venezia- scuole- via Pasti- Via Fiumicello- Porta Vescovo

Più complicata questa, ma una via su cui sarebbe facilissimo fare una ciclabile è via Della Corte fra Via Montorio e Via Banchette. Da Via Banchette potrebbe arrivare anche la pista di San Michele, a questo punto la pista potrebbe proseguire su via Badile, in prossimità del raccordo esistente svoltare su via Pisano, quindi andare verso Borgo Trieste su via Panteo-Pasti e raggiungere finalmente via Fiumicello, da rendere pedonale/ztl nel tratto più stretto, fino a Porta Vescovo.
 

·
Registered
Joined
·
3,090 Posts
Sarebbe molto utile la pista su via san Marco, ma a parte il marciapiede esistente per il resto gli spazi sono risicati, si potrebbe fare ma strettissima; il collegamento con San massimo semmai passa da Corso Milano, con la ciclabile che sarà effettivamente conclusa nel giro di pochi anni. In Stradone Porta Palio fino a Castelvecchio sarebbe assolutamente necessario per avere finalmente un vero collegamento ciclabile fra periferia ovest e centro. Per Avesa basterebbero poco, andando su marciapiedi esistenti o aggiungendo tratti in via Santini. Il collegamento per San Giovanni Lupatoto sarà presto fatto, mentre manca il tratto che semmai percorrerà, come annunciato in passato, le vie Comacchio, dei Lamberti e dei Bevilacqua, e in questo caso c'è amplissimo spazio per farla. La tua idea in Borgo Venezia è in buona parte irrealizzabile, dato che la viabilità in quella zona è inevitabilmente pessima, i parcheggi anche sono assai scarsi; in quella zona l'unica secondo me è rallentare la circolazione con dossi, platee rialzate e zone 30, più qualche collegamento con le piste esistenti dove possibile, come su via del Capitel-Dalla Corte o forse nelle zone più larghe di via Pisano o Spolverini, ma senza pretese di continuità; alla fine, con le vie a senso unico i ciclisti hanno sufficiente spazio a margine, al massimo si può dipingere la pista per terra la corsia per ciclisti. Naturalmente queste ultime considerazioni sono valide tenendo i piedi per terra, perchè ovviamente agendo d'imperio nulla vieta di agire come si vuole, con l'eccezione di via Rosa Morando che è praticamente insostituibile anche per la viabilità privata, ma soprattutto per gli autobus (al più promiscui con le bici).
 

·
Dietrich von Welschbern
Joined
·
7,328 Posts
Discussion Starter · #17 · (Edited)
a. La tua idea in Borgo Venezia è in buona parte irrealizzabile, dato che la viabilità in quella zona è inevitabilmente pessima, i parcheggi anche sono assai scarsi; in quella zona l'unica secondo me è rallentare la circolazione con dossi, platee rialzate e zone 30, più qualche collegamento con le piste esistenti dove possibile, come su via del Capitel-Dalla Corte o forse nelle zone più larghe di via Pisano o Spolverini, ma senza pretese di continuità; alla fine, con le vie a senso unico i ciclisti hanno sufficiente spazio a margine, al massimo si può dipingere la pista per terra la corsia per ciclisti. Naturalmente queste ultime considerazioni sono valide tenendo i piedi per terra, perchè ovviamente agendo d'imperio nulla vieta di agire come si vuole, con l'eccezione di via Rosa Morando che è praticamente insostituibile anche per la viabilità privata, ma soprattutto per gli autobus (al più promiscui con le bici).
Il tratto via Panteo-via Pasti è effettivamente problematico. Il resto direi di no. Via Badile è relativamente larga, via della Corte ancora di più (anche se effettivamente per raggiungere le scuole si può già passare attraverso i giardini di san Marco). Stesso dicasi per il completamento della ciclabile su via Banchette fino all'inizio di via Badile.
Per il resto, non proponevo di passare per via Pisano-Rosa Morando (impossibile), ma per via Fiumicello, una via stretta che dovrebbe essere utilizzata solo dai residenti, i quali avrebbero solo da guadagnarci in caso di una sua pedonalizzazione. Si avrebbe, così, un collegamento ciclabile diretto (su strada a traffico limitato) fra Borgo Trieste e Porta Vescovo, e una decisa riqualificazione di un'area al momento dimenticata. E' una via senza negozi, i residenti sarebbero contenti di una scelta in tal senso.

 

·
Registered
Joined
·
3,090 Posts
Conosco quella via e però si tratta comunque di una zona densamente abitata, con pochi parcheggi perchè i tanti palazzi si addossano appunto su una via minuscola, e che comunque ha una funzione per la parte bassa di borgo venezia, data la mancanza di alternative, quindi ha anche un certo traffico... Lo spazio volendo c'è, magari riducendo la pista a semplice controsenso in direzione porta vescovo nei punti più stretti, ma la vedo dura comunque a far rinunciare ai residenti i pochi parcheggi disponibili... Volendo si potrebbe fare arrivare la ciclabile su Corso Venezia e ricavare spazio per la ciclabile sull'ampio marciapiede fra porta vescovo e via Cesari (semaforo), ma sarà dura anche lì. Non è semplice.
 

·
Dietrich von Welschbern
Joined
·
7,328 Posts
Discussion Starter · #19 ·
Sistemati il ponte e il fondo
della ciclabile per Montorio




Verona. L’assessore alle Strade Luigi Pisa ha effettuato questa mattina un sopralluogo a Montorio, sul tratto di pista ciclopedonale sopra il corso d’acqua Fiumicello, al termine dei lavori di rifacimento del ponte e di riqualificazione dell’intero tratto della pista che costeggia via Da Legnago. Presenti l’assessore alla Mobilità, Enrico Corsi e il presidente della 8a Circoscrizione Dino Andreoli.
I lavori, durati circa un mese, hanno avuto un costo di 40 mila euro. Il ponte, originariamente costruito in abete, era chiuso dallo scorso agosto per motivi di sicurezza a seguito del cedimento di una trave di sostegno. La struttura è stata quindi ricostruita in larice. Sull’intera pista ciclopedonale che collega Ponte Florio a Montorio, lunga circa 1 chilometro e mezzo, è stata eseguita manutenzione per sostituire assi danneggiate.
«Il larice, materiale con cui abbiamo ricostruito il ponte – ha spiegato Pisa – è di gran lunga più resistente del precedente e garantirà quindi una maggiore durata della struttura e una minor necessità di intervento. Nonostante le difficoltà economiche – ha aggiunto l’assessore - siamo riusciti a finanziare l’opera per mettere in sicurezza questa importante pista, che collega la città alla Val Squaranto».
 

·
Dietrich von Welschbern
Joined
·
7,328 Posts
Discussion Starter · #20 ·
Buone nuove oggi

Sì al progetto di allungare fino alla Bra
la pista ciclabile di Corso Porta Nuova


Verona. Su proposta dell’assessore alla Mobilità Enrico Corsi, la Giunta comunale ha approvato oggi il progetto preliminare per allungare fino a piazza Bra la pista ciclabile di corso Porta Nuova.
«Il progetto – spiega l’assessore Corsi – consentirà di completare il percorso ciclabile, che oggi si ferma a volto San Luca, attraverso la realizzazione di due tratti monodirezionali che porteranno fino a piazza Bra. All’altezza del semaforo di volto San Luca, uno dei due tratti della nuova ciclabile attraverserà corso Porta Nuova, per arrivare in piazza Bra lato Gran Guardia; l’altro tratto proseguirà invece la ciclabile già esistente, completandone il percorso fino all’incrocio con via Roma. Inoltre, per aumentare la sicurezza di pedoni e ciclisti, l’attuale tratto di pista ciclabile che corre sul marciapiede di corso Porta Nuova verrà spostata tutta su strada fino a metà dei giardini di Pradaval, grazie alla modifica degli stalli di sosta delle auto, che non saranno più a “spina di pesce”, ma verranno ridisegnati in parallelo al nuovo percorso ciclabile».
«L’unico pezzo di ciclabile che rimarrà sul marciapiede – conclude Corsi – sarà il tratto in corrispondenza della fermata degli autobus posizionata nell’ultima parte dei giardini Pradaval, prima dell’incrocio con volto San Luca».
 
1 - 20 of 25 Posts
Top