SkyscraperCity banner

21 - 40 of 92 Posts

·
Valpolicella abuser
Joined
·
2,608 Posts
Discussion Starter · #22 ·
Botta sta facendo il progetto, si sa ancora poco.
 

·
Registered
Joined
·
2,114 Posts
del progetto di Botta s'è saputo qualcosa di più, era previsto un roseto (...) nella parte esterna...a mio parere sufficientemente inutile, mentre per l'interno vuole scavare dentro e svuotando tutto creare una specie di arena smontabile... che potrebbe essere usato anche come pista da pattinaggio.
quando ho letto queste cose m'è venuta la pelle d'oca.
se voleve vedere un restauro meraviglioso di edifici di archeologia industriale consiglio di dare un'occhiata alla Tate fatta da Herzog e de Meuron... stupenda!
 

·
Registered
Joined
·
183 Posts
Qualche precisazione storica sulla Stazione Frigorifera dei Magazzini Generali, progettata dall'ing. Pio Beccherle (autore anche, in quegli anni, dell'Ospedale di Borgo Trento).
A pianta circolare (diametro m. 107, cubatura complessiva 93.986 metri cubi), la Stazione Frigorifera Specializzata n. 10 - questo il suo nome ufficiale - era dotata di una piattaforma rotante centrale che distribuiva merci e vagoni ferroviari in otto gallerie di refrigerazione radiali e in altrettante celle per frutta e verdura. Esternamente alle celle vi era un ulteriore anello con sale destinate all’alloggiamento dei macchinari per la refrigerazione e locali destinati alla lavorazione delle derrate alimentari. Al di sopra vi erano macchinari per la produzione del ghiaccio destinato ai vagoni (e ivi calato con opportuni nastri trasportatori), per un massimo di 60 tonnellate giornaliere, e magazzini per cereali, il cui scopo principale era quello di meglio isolare dall’esterno la parte refrigerata dell’immobile.
Ispirata al preesistente forte Clam (austriaco, demolito ai primi del '900) e alla Halle au Blé parigina, essa costituiva il maggior impianto frigorifero d’Europa; la sua realizzazione fu affidata all’impresa veronese Brazzòli & Barbi. La corrente elettrica a 6.000 Volt e l’acqua per il ghiaccio le provenivano dalla vicina cabina n. 11, realizzata in contemporanea, dotata di 6 trasformatori per complessivi 1.100 KVA; le utenze della sola Stazione Frigorifera n. 10 assorbivano 712,69 kW. Gli impianti, isolati da pareti con intercapedini riempite con strati di sughero, erano raffreddati da impianti ad ammoniaca e potevano refrigerare 120 – 150 vagoni in 24 ore (ma negli anni ‘30 il numero massimo riscontrato in una giornata di punta fu di 76 vagoni).
L'inaugurazione avvenne ad opera di Costanzo Ciano, allora Ministro per le Comunicazioni, l'8 giugno 1930; la struttura e' inattiva dal 1974, e comunque costituisce un capolavoro d'ingegneria unico nel suo genere, la cui salvaguardia e', a mio parere, assolutamente doverosa.

Nel 1952 anche il Presidente della Repubblica, Luigi Einaudi, volle visitare la Stazione Frigorifera, allora ancora nodo fondamentale per l'esportazione ortofrutticola italiana verso l'Europa del nord.

Le rimanenti strutture dei Magazzini risalgono in parte al 1926 - '28 (come la Stazione Frigorifera n. 1, che guarda su via S. Teresa, che all'epoca della realizzazione era la maggiore in Italia, e tale rimase fino alla costruzione, tre anni dopo, della Stazione Frigorifera n. 10), in parte al 1936 (i due edifici degli uffici e della dogana, ai lati dell'ingresso, progettati sempre da Beccherle), in parte al 1953 - '56 (edifici lato viale dell'Agricoltura, progettati dall'ing. Enea Ronca: Fabbrica Ghiaccio Rapido, Stazione Frigorifera n. 25, ecc. - vedere foto sottostante -, ma anche ampliamenti e soprattutto ricostruzione di edifici preesistenti danneggiati dai pesanti bombardamenti della guerra).
 

·
Registered
Joined
·
3,090 Posts
Bel servizio! Certo che chi crederebbe che a quel tempo i binari arrivassero da quel lato al mercato... non lo avrei mai neanche immaginato, anche se al tempo doveva essere ovvio. Quanto alla salvaguardia, bisogna confidare nella solidità dell'architettura fascista, perchè il restauro tarda alquanto ad arrivare, sebbene sia stato presentato più volte. L'interno del complesso, specie la cupola, deve essere spettacolare.
 

·
Registered
Joined
·
1,086 Posts
Struttura interessante, in altri paesi sarebbe da anni un museo visitato dai turisti...
Da noi si invoca la demolizione..
 

·
Catena Beach, VR
Joined
·
3,643 Posts
...Da noi si invoca la demolizione..
Non ci risulta proprio; le uniche demolizioni che verranno fatte nel recupero dell'area saranno quelle di alcune superfetazioni aggiunte nel corso degli ultimi decenni di attività, cosa di nessun valore tecnico e architettonico.
 

·
Registered
Joined
·
183 Posts
In ogni caso, non avrebbero dovuto permettere che l'area venisse lasciata esposta per decenni a un degrado cosi' avvilente.
Tra i tanti episodi, ricordo che nel solo periodo ottobre 1999 - febbraio 2000 sono scoppiati ben 5 incendi, fortunatamente non gravi, solo nella Stazione Frigorifera n. 10 (innescati probabilmente da fuochi lasciati accesi da extracomunitari e sbandati che cercavano nell'area un rifugio per la notte), senza contare i numerosi focolai sviluppatisi negli altri edifici, per non parlare poi dell'incendio doloso dei libri della Societa' Letteraria temporaneamente custoditi nel magazzino n. 24 (dicembre 2004) e degli innumerevoli altri casi di vandalismo e incuria che hanno colpito i Magazzini Generali da quando le attivita' di stoccaggio merci sono state trasferite definitivamente al Quadrante Europa (1989 circa).
Le strutture verranno restaurate (speriamo in modo sensato e rispettoso delle loro caratteristiche storiche e architettoniche), ma il degrado che hanno dovuto subire nel frattempo era proprio impossibile da evitare?
 

·
Registered
Joined
·
1,086 Posts
Non ci risulta proprio; le uniche demolizioni che verranno fatte nel recupero dell'area saranno quelle di alcune superfetazioni aggiunte nel corso degli ultimi decenni di attività, cosa di nessun valore tecnico e architettonico.
Non mi riferivo a quello che verrà fatto, ma ai commenti che ci sono nel 3d, che sicuramente rispecchiamo il pensiero di una buona fetta della popolazione
 

·
Catena Beach, VR
Joined
·
3,643 Posts
Non mi riferivo a quello che verrà fatto, ma ai commenti che ci sono nel 3d, che sicuramente rispecchiamo il pensiero di una buona fetta della popolazione
ops, ho frainteso, grazie per la precisazione ;-)

certi commenti lasciano il tempo che trovano ;-)
 

·
frankiered
Joined
·
21 Posts
penso che gli ex magazzini siano uno tra gli esempi più belli e complessi di archeologia industriale del paese, conservarli e tutelarli per le generazioni future mi sembra doveroso! Vedremo se botta si dimostrerà all'altezza della sua fama (ma il restauro della scala lascia ben sperare)
 

·
Dietrich von Welschbern
Joined
·
7,328 Posts
a verona continua a non succedere nulla...di questo restauro non importa nulla a nessuno, mai sentito un vecioto da bar chiedersi quand'è che inizieranno sti benedetti lavori
 

·
Registered
Joined
·
2,114 Posts
bellissime le foto storiche, mi ero perso l'aggiornamento della discussione. sarebbe interessante valutare se invece del progetto botta fosse possibile realizzare un qualcosa di simile alla centrale monte (non ricordo il nome completo) fatta a roma, archeologia industriale e arte classica :D
 

·
Registered
Joined
·
183 Posts
"L'Arena" di ieri, 20 dicembre, ha pubblicato un articolo sui lavori a Castel S. Pietro e ai Magazzini Generali, dicendo tra l'altro:
"Polo culturale agli ex Magazzini generali, parte il conto alla rovescia. Già oggi in Consiglio comunale approderanno per la discussione e l'approvazione gli accordi di programma con la Fondazione Cariverona, proprietaria di entrambi gli edifici. Conclusi questi passaggi si potrà dare il via libera, una volta completata la progettazione definitiva, al cantiere.
«I lavori agli ex Magazzini», azzarda il presidente della Commissione urbanistica Comencini, «procederanno a stralci, così facendo il primo intervento potrebbe cominciare già a metà 2011».
Il futuro Polo culturale sorgerà su un complesso di 100.000 metri quadrati con 300.000 metri cubi di fabbricati interamente vincolati dal ministero per i beni e le attività culturali. A firmare il progetto di restauro è l'architetto svizzero-italiano, di fama internazionale, Mario Botta. «Fra un anno, perfezionato il progetto, puntiamo a cominciare i lavori», aveva affermato a fine 2009 lo stesso presidente della Fondazione Cariverona, Paolo Biasi. Il costo preventivato der i lavori della durata di quattro/cinque anni è di 30 milioni.
Era stato lo stesso architetto Botta, il 30 novembre 2009, ad illustrare le scelte progettuali per «trasformare il vecchio sedime industriale in uno spazio per la città, limitando al minimo le demolizioni all'interno del lotto e rinunciando anche a costruire ex novo edifici lungo viale del Lavoro».
Il cantiere avrà tre fasi. L'intervento più qualificante riguarderà la cupola dell'ex stazione frigorifera, che ha un diametro di 100 metri. Al primo piano ci sarà uno spazio espositivo di 3.000 metri quadrati. Al piano terra e sottoterra un anfiteatro da 2.000 posti e una sala banchetti, da circa 1.000 posti, che sarà ricavabile grazie a un sistema flessibile per spostare le gradinate, facendole arretrare. In memoria della sua antica funzione, aveva suggerito Botta, la sala si potrà trasformare anche in una pista di ghiaccio.
Al piano terra, nell'anello circolare attorno alla sala, ci sarà un foyer con locali accessori per i grandi eventi, e al primo piano, a quota 7,60 metri, sarà realizzato uno spazio espositivo disposto a cerchio".
 
21 - 40 of 92 Posts
Top