Skyscraper City Forum banner
13101 - 13120 of 13129 Posts

·
Registered
Joined
·
382 Posts
Arsenale

Inserisco alcune fotografie delle tavole del progetto originale dell’Arsenale, trovate nell'Archivio di Vienna e fotografate dagli autori della pagina facebook arsenaleverona.












In ultimo inserisco la planimetria di progetto dell'Arsenale, in un primo momento pensato di dimensioni molto maggiori rispetto a quanto effettivamente realizzato.




Visto che ci sono inserisco anche un articolo di Davide Orsato con le ultime novità! Buona lettura.

 

·
Registered
Joined
·
382 Posts
Primo tavolo in Comune per il master plan del Central Park a Verona: al centro la mobilità

Il progetto del Central Park prende forma. Ieri a palazzo Barbieri si è riunito il primo tavolo tecnico chiamato a redigere, entro il prossimo luglio, il masterplan per la conversione a parco urbano dell’area dell’ex scalo merci della stazione di Porta Nuova. Mobilità dell’area, sostenibilità finanziaria, fruibilità e sicurezza del parco, sono stati i temi al centro della riunione.

Secondo il protocollo d’intesa firmato lo scorso luglio, il tavolo tecnico ha 12 mesi di tempo per elaborare il masterplan e l’analisi di sostenibilità economica del progetto del Central Park. L’obiettivo è quello di condividere e approvare i nuovi assetti dell’area ferroviaria, circa 45 ettari, e avviare il successivo iter urbanistico che porterà alla trasformazione delle aree dello scalo.

«Il futuro di questa grande area di Verona – ha detto l’assessore Zanotto – si interseca con i risultati del Pums e le risposte da dare alla viabilità del futuro. Il nostro obiettivo è migliorare e potenziare, anche attraverso un apposito studio del traffico, le connessioni tra nord e sud della città. Per questo stiamo valutando differenti opzioni che hanno per oggetto i sottopassi ferroviari o la possibilità di creare, lungo la stessa direttrice, un nuovo collegamento tra i quartieri. Gli incontri operativi tra i tecnici proseguiranno in queste settimane, anche con l’ausilio dell’Università di Padova che ci sta supportando nella realizzazione del master plan. Tra un mese convocheremo di nuovo il tavolo per definire il punto della situazione».

«Ferrovie sta elaborando lo studio di sostenibilità economico – finanziaria – ha detto l’assessore Segala - . Si tratta di un fattore importante perché, una volta definito, ci permetterà di avere maggiori certezze sui costi complessivi dell’operazione. Ci concentreremo su come rendere fruibile e sicuro il Central Park durante tutta l’arco della giornata. Dotarlo di strutture adeguate per le attività sportive è una delle chiavi per fare in modo che questa grande area verde sia costantemente frequentata. Il volto della città cambierà in meglio grazie a questo grande parco pubblico che vogliamo che sia sicuro, accessibile e funzionale alle necessità dei cittadini dei quartieri limitrofi e di tutta la città».

Potrebbe interessarti: http://www.veronasera.it/attualita/central-park-progetto-verona-mobilita-20-settembre-2019.html
 

·
Registered
Joined
·
4,478 Posts
https://www.larena.it/territori/est/san-bonifacio/visita-la-chiesa-e-scopre-un-capolavoro-1.7919001

Non voleva credere ai suoi occhi, Mariella Lobèfaro, quando qualche giorno fa, entrata per una visita nella chiesa dell’Abbazia di Villanova, è passata davanti alla pala che rappresenta Michele Arcangelo che guida un gruppo numeroso di santi verso il Paradiso. Da esperta e studiosa di icone quale è, ha immediatamente capito che non si trattava di un’opera già attribuita alla bottega veneziana dei Vivarini (sec.XV) ma del grande pittore cretese Theodoros Poulakis (1622-1692) famoso soprattutto in Grecia come creatore di icone

La sorpresa, secondo l’esperta, è che questa è forse l’unica esistente in Italia di Poulakis, tanto che l’abate don Giorgio Derna, subito messo al corrente, ha avvertito l’architetto Irnerio De Marchi, dell’Associazione Ricercatori Storici per accordarsi con la Lobèfaro, che ha l’intenzione di presentare ufficialmente la scoperta: in giugno in Abbazia e successivamente nel famoso Museo Benaki, di Atene, dove sono esposte molte opere di questo artista del ’600

 

·
Registered
Joined
·
28 Posts
ma scusate il recupero della ex tabacchi non doveva essere affidato a snohetta? non mi dite che è sta roba qua

https://www.youtube.com/watch?v=uhOjkCiAe1c
Beneomale é la stessa reazione che ho avuto io, poi finché non vedo il progetto dettagliato faccio fatica a giudicarlo. Sono comunque curioso di sapere cosa faranno dentro lo stabile conservato (quello con mattoni a vista) visto che le finestre sono a livello soffitto.
 

·
Registered
Joined
·
1,458 Posts
Central Park
«Primi cantieri
nel 2021»

Masterplan del futuro Central park di Verona

Il Central Park si farà e sarà pronto in tempi brevi, prima del previsto. La deadline è il 2026, quando Verona sarà città olimpica. E già nel 2021 i primi permessi a costruire. Per chi parteciperà ai Giochi o vorrà assistervi, il passaggio dalla nostra città sarà infatti obbligatorio. Dovranno pertanto già essere in funzione le opere strategiche previste nella trasformazione dell'ex scalo merci ferroviario di Verona Porta Nuova, che prevede la realizzazione di un grande parco urbano, della nuova stazione ad alta velocità/alta capacità, ma anche delle infrastrutture e dei servizi di supporto. Il sindaco Federico Sboarina la definisce una «svolta epocale».

Il 7 per cento sarà occupato dai volumi, con destinazioni d'uso funzionali al parco, alla sua fruibilità e alla sua sicurezza; mentre il restante 93 per cento della sua elevata dimensione, 450 mila metri quadrati oggi in buona parte non utilizzati, saranno destinati a verde per l'86% e alla stazione che già oggi occupa l'altro 7%, in attesa di definire le percentuali destinate al turistico/ricettivo e al residenziale.

VIABILITA': il progetto porta con sè un nuovo HUB intermodale a sud della città, per il quale sarà attivato un nuovo percorso di trasporto pubblico; la creazione di un anello circolatorio per rendere più veloce e meno impattante il traffico veicolare di attraversamento interno al parco e di arrivo alla nuova stazione di Verona Porta Verde; inoltre la ricucitura della città con un nuovo sottopasso di collegamento tra stradone Santa Lucia e via Albere.
 

·
Registered
Joined
·
1,458 Posts
Marangona, dopo quarant’anni parte lo sviluppo
23 Settembre 2020
545870

Parte oggi l'iter di pianificazione della vasta area di proprietà in gran parte del Consorzio Zai, un triangolo di circa 1 milione 500 metri quadrati a sud est del Comune e compreso tra l'autostrada Milano-Venezia (A4), la ferrovia Bologna-Verona e la ferrovia Verona-Mantova.
Nell'articolo si cita "Corte Alberti, il primo dei cinque ambiti che sarà realizzato: un’area di circa 170 mila metri quadrati di proprietà della VGP Italy, società europea di sviluppo di parchi industriali e logistici, in cui sorgerà un centro non solo dedicato allo smistamento delle merci e dell’e-commerce ma anche produttivo, che si caratterizzerà per innovazione, ricerca e sostenibilità".
Il progetto citato dovrebbe essere questo:
545886

 

·
Registered
Joined
·
382 Posts
la mia domanda è se serve... o se non possono essere utilizzate aree dismesse già presenti in zai...
Effettivamente è una bella colata di cemento, in un'area vergine. Da quello che ricordo il problema è che il Quadrante Europa comincia ad essere saturo, quindi qui vi sarebbe un bel ampliamento del terminal. Questo per lo meno è quello che ricordavo, però a vedere quella planimetria non si vedono opere ferroviarie in progetto....mah
 

·
Registered
Joined
·
2,117 Posts
io sapevo che era ipotizzato un nuovo scalo merci al cason, a nord della linea milano venezia, ma non credo che queste opere alla maragnona siano collegabili al quadrane europa. sinceramente mi pare uno spreco usare un'area così strettamente connessa alle ferrovie, per dei capannoni di logistica a cui basta uno svincolo qualunque sulla tangenziale.
Mi pare che il problema di Verona sia sempre quello. Manca un progetto di insieme e non soluzioni parte per parte.
Se devo dire, alla marangona vedrei bene la fiera, con svincolo alla tangenziale dedicato, fermata sulla ferrovia verona bologna e sulla mantova - aeroporto - verona. ma penso siano utopie, per l'appunto.
 

·
Registered
Joined
·
1,458 Posts
Central Park
«Primi cantieri
nel 2021»

Masterplan del futuro Central park di Verona

Il Central Park si farà e sarà pronto in tempi brevi, prima del previsto. La deadline è il 2026, quando Verona sarà città olimpica. E già nel 2021 i primi permessi a costruire. Per chi parteciperà ai Giochi o vorrà assistervi, il passaggio dalla nostra città sarà infatti obbligatorio. Dovranno pertanto già essere in funzione le opere strategiche previste nella trasformazione dell'ex scalo merci ferroviario di Verona Porta Nuova, che prevede la realizzazione di un grande parco urbano, della nuova stazione ad alta velocità/alta capacità, ma anche delle infrastrutture e dei servizi di supporto. Il sindaco Federico Sboarina la definisce una «svolta epocale».

Il 7 per cento sarà occupato dai volumi, con destinazioni d'uso funzionali al parco, alla sua fruibilità e alla sua sicurezza; mentre il restante 93 per cento della sua elevata dimensione, 450 mila metri quadrati oggi in buona parte non utilizzati, saranno destinati a verde per l'86% e alla stazione che già oggi occupa l'altro 7%, in attesa di definire le percentuali destinate al turistico/ricettivo e al residenziale.

VIABILITA': il progetto porta con sè un nuovo HUB intermodale a sud della città, per il quale sarà attivato un nuovo percorso di trasporto pubblico; la creazione di un anello circolatorio per rendere più veloce e meno impattante il traffico veicolare di attraversamento interno al parco e di arrivo alla nuova stazione di Verona Porta Verde; inoltre la ricucitura della città con un nuovo sottopasso di collegamento tra stradone Santa Lucia e via Albere.
29 Dicembre 2020
Parco urbano all’ex Scalo merci nel 2024, soddisfatto Sboarina
"Nello specifico, il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane si impegna, entro 120 giorni dalla data odierna, a individuare un operatore economico interessato ad acquisire e trasformare l’area e al quale sarà chiesto di elaborare la progettazione dell’ex scalo nel rispetto dei criteri individuati nel masterplan."
 

·
Moderator
Joined
·
10,031 Posts
Da Ateliers Alfonso Femia

COMPLESSO SCOLASTICO DI LEGNAGO / CONSEGNATO IL PROGETTO DEFINITIVO
Atelier(s) Alfonso Femia ha consegnato il progetto definitivo per la realizzazione del Complesso scolastico “G. B. Cavalcaselle” del Comune di Legnago (VR).
Il progetto, vincitore del concorso, mira ad un ripensamento della scuola come parte integrante del tessuto urbano: tematica discussa ed approfondita da Alfonso Femia in quest’ultimo anno attraverso il progetto di ricerca “Scuola Social Impact”.
“Gli edifici si aprono verso il territorio e si sviluppano attorno ad un’idea di corte aperta, capace di creare un sistema intimo e funzionale, una pausa tra natura e cielo, uno sguardo tra i momenti di pausa e quelli delle attività, capaci di sviluppare un sistema funzionale e pragmatico, ma anche di dar vita ad una dimensione umana nella quale gli studenti possano riconoscersi.
Lasciare le corti aperte su un lato vuol dire rendere l’architettura una forma di educazione sentimentale e di appartenenza, legata al territorio, al luogo, allo sguardo di tutti coloro che vivranno in quei luoghi.” AF
Ulteriori immagini e info: link

1520747


1520748


1520750


1520751
 

·
Venetian User
Joined
·
2,899 Posts
Parco Educazionale Stradale
Lazise (Verona), per me il Comune non sapeva dove buttare qualche soldino.


1671263


1671246


1671249


1671250


Qui un video

 

·
Registered
Joined
·
189 Posts
1721978


...e comunque, Lazise arriva in grosso ritardo su Verona che in Borgo Trento, ai giardini dell'Arsenale (inaugurati il 4 giugno 1959!...), aveva già realizzato un'analoga pista per biciclette per l'educazione stradale dei ragazzini, con segnaletica orizzontale e verticale e semafori funzionanti ;)
Da bambino, nei primi anni'80, ricordo di averla frequentata ed era ancora in buono stato. Poi i semafori sono stati spaccati, i segnali divelti e mai più sostituiti, le biciclette più o meno bandite dal giardino, la fontana centrale ridotta a una serie di zampilletti che scaricano subito l'acqua senza creare alcuna vasca (è il politically correct delle fontane al giorno d'oggi, degradate a fioriere, come quella di piazza Dall'Oca Bianca, o ridotte a zampilli senza ristagni d'acqua; mi pare che l'unica operazione ben riuscita in tal senso sia stata la vasca grande dell'Arsenale, che ha mentenuto una propria originalità e un suo valore estetico anche nella nuova veste).
 

·
Registered
Joined
·
2,117 Posts
Credo sia rimasto anche quello dei giardini di via Nievo in Valdonega, l'ultima volta che sono stato (per fare le foto alla rondella delle Boccare) mi sembrava ci fossero ancora dei segnali e i segni per terra.
ps. almeno a Verona avevano piantato gli alberi. A Lazise mi sembra sia un percorso ottimo per un'insolazione.
 
13101 - 13120 of 13129 Posts
Top